Presentazione della mostra
Bisso marino, fili d'oro dal fondo del mare


"Bisso marino", tessuto dorato raccolto dal mare, oggetto di innumerevoli miti e leggende. Tanto che perfino Jules Verne, uno dei padri della moderna fantascienza, deve esserne stato particolarmente colpito, se in "Ventimila leghe sotto i mari" fa pronunciare al suo capitano Nemo le seguenti parole: "Gli abiti che lei indossa sono tessuti di filo di bisso di certe conchiglie e poi tinte in antica porpora [...]. Una volta, se ne facevano belle stoffe, calze, guanti, essendo questi filamenti nel tempo stesso morbidi e calorosi".

Il bisso marino è una sostanza prodotta da una conchiglia, la nacchera (Pinna nobilis), la più grande conchiglia del Mediterraneo. Si tratta di un ciuffo di lunghi filamenti simili alla seta con i quali l'animale si ancora al fondale e che un tempo venivano raccolti insieme alla conchiglia per produrre la "seta di mare". La produzione del bisso marino era laboriosa e richiedeva molte tappe di lavorazione. Dopo la raccolta il bisso grezzo doveva essere pulito e pettinato più volte, messo in ammollo in succo di limone e infine filato a mano. La lavorazione più diffusa era quella a maglia per realizzare indumenti come scialli, guanti, cappelli, ghette, cravatte ecc. Ma i fili venivano anche tessuti, intessuti o ricamati su stoffe oppure lavorati in modo particolare per formare una sorta di pelliccia. Inoltre non solo il bisso, ma anche la conchiglia intera era utilizzata: la carne come cibo, le perle come decorazione, la madreperla per bottoni e per lavori di intarsio, il guscio per vasi, paralumi o come souvenir e i ciuffi di bisso come rimedio nella medicina popolare. I centri più importanti della raccolta e della lavorazione del bisso si trovavano nell'Italia meridionale, soprattutto in Sardegna e nelle Puglie.

Questi manufatti avevano degli splendidi riflessi dorati e fin dall'antichità erano quindi molto ricercati soprattutto dalla nobiltà e dall'alto clero. Nel XIX secolo i prodotti in bisso non potevano mancare alle più prestigiose esposizioni commerciali - come le esposizioni universali di Parigi, di Londra di Vienna - dove venivano venditi a prezzi elevatissimi e dove un tessuto in bisso marino poteva costare 100 volte tanto quanto un tessuto in lana. Per ottenere 1 kg di bisso grezzo e produrre così 200-300 grammi di seta di bisso marino, occorrono infatti fino a 1'000 conchiglie: è quindi facile capire perché questo materiale sia sempre rimasto un prodotto di lusso. La produzione è andata definitivamente scemando all'inizio del 20° secolo. Un po' per la raccolta difficoltosa, il ricavato scarso e il processo di lavorazione lungo e impegnativo, un po' per la concorrenza della seta (che poteva venir prodotta in grandi quantità a partire dall'allevamento dei bachi), un po' per l'avvento dei nuovi materiali sintetici, in particolare il nylon, dopo la Seconda guerra mondiale quasi nessuno parla più di bisso marino.

Datare e localizzare la produzione del bisso marino è quasi impossibile, anche perché nell'antichità con il termine "bisso" si indicavano tessuti pregiati diversi (seta, cotone, lino), ma con certezza la produzione avveniva già almeno in epoca romana. Tuttavia, nonostante la cospicua produzione manifatturiera del passato, solo pochissimi oggetti sono sopravvissuti fino ai giorni nostri, tanto che se ne contano meno di un centinaio sparsi nelle collezioni di tutto il mondo. Il più antico è un cappuccio lavorato a maglia del XIV secolo, ritrovato durante degli scavi archeologici presso la basilica di Saint-Denis, vicino a Parigi.
Un fatto curioso è che la maggior parte degli oggetti sopravvissuti proviene proprio da collezioni di storia naturale e non da collezioni storiche o etnografiche. E questo soprattutto perché i naturalisti del Settecento e dell'Ottocento - che con le loro raccolte crearono i primi "gabinetti di scienze naturali" - da cui nacquero poi molti degli odierni musei di storia naturale - collezionavano insieme alle conchiglie anche i loro prodotti, com'era uso a quei tempi. Probabilmente, come attestano numerosi documenti, altri oggetti in bisso marino giacciono ancora dimenticati nelle collezioni di qualche museo, così come nelle collezioni ecclesiastiche e nei beni di alcune famiglie. E sul tema è tuttora in corso una ricerca del Museo di Basilea, ad opera della signora Felicitas Mäder, che mira a ricostruire la storia del bisso e ad inventariare gli oggetti ancora presenti.

Se molti oggetti sono andati perduti, fortunatamente le conoscenze sulla lavorazione del bisso non sono ancora del tutto scomparse, soprattutto a Sant'Antioco in Sardegna e a Taranto in Puglia, dove l'interesse per questa tradizione artigianale e patrimonio culturale dell'Italia del Sud è andato anzi crescendo negli ultimi anni. Tuttavia, se da un lato è importante conservare il sapere di questa tradizione tessile per trasmetterlo alle future generazioni, dall'altro è imperativo proteggere la nacchera e il suo ambiente di vita - le praterie di posidonia, una pianta acquatica simile alle alghe che forma estesi tappeti sottomarini - visto l'attuale forte declino della specie in molte aree del Mediterraneo, dove oggi è una specie protetta.

La mostra, ideata dal Naturhistorisches Museum e del Museum der Kulturen di Basilea, è stata adattata dal Museo cantonale di storia naturale in collaborazione con l'Archivio storico della città di Lugano. A cavallo fra scienze naturali, cultura etnografica e storia, l'esposizione svela dunque l'origine di questo prezioso "tessuto d'oro", presentando l'ambiente di vita della nacchera e la storia della produzione del bisso marino. Essa costituisce un'occasione unica per poter ammirare una ventina di splendidi indumenti e manufatti in bisso marino - di cui se ne contano oggi meno di un centinaio sparsi nelle collezioni di tutto il mondo - provenienti da undici diverse istituzioni europee (Basilea, Neuchâtel, Berlino, Rostock, Strasburgo, Saint-Denis, Lione, Firenze, Padova, Sant'Antioco) e americane (Chicago).

La mostra è accompagnata dal catalogo bilingue di 127 pagine "Bisso marino - Fili d'oro dal fondo del mare / Muschelseide - Goldene Fäden vom Meeresgrund", edito da 5 Continents Editions, Milano (ISBN 88-7439-114-5).

Filippo Rampazzi
Direttore del Museo cantonale di storia naturale


Oggetti in bisso marino presenti nella mostra

1 - Berretto a punta lavorato a maglia.
Field Museum of Natural History, Chicago USA.

2 - Manicotto lavorato a pelliccia.
Field Museum of Natural History, Chicago USA,

3 - Cappuccio lavorato a maglia del XIV secolo.
Musée d'art et d'histoire, Unité d'Archéologie, St.Denis, île de-France, Francia.

4 - Guanto da donna destro, fino al gomito, senza dita lavorato a maglia.
Musée Zoologique, Université Louis Pasteur, Strasbourg Francia.

5 - Pinna con ciuffo.
Musée Zoologique, Université Louis Pasteur, Strasbourg Francia.

6 - Scialle lavorato a maglia.
Museum d'Histoire Naturelle de Lyon Francia.

7 - Guanti (2) con dita lavorati a maglia.
Museum für Naturkunde, Humboldt-Universität Berlin Germania.

8 - Guanto da donna destro, fino al gomito, con dita lavorato a maglia.
Zoologische Sammlung, Universität Rostock Germania.

9 - Colletto e polsini lavorati a pelliccia.
Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, Padova Italia.

10 - Spillone con ciuffo di bisso.
Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, Padova Italia

11 - Guanto corto con dita lavorato a maglia.
Museo Zoologico "La Specola", Firenze Italia.

12 - Guanto corto senza dita lavorato a maglia.
Museo Zoologico "La Specola", Firenze Italia.

13 - Cravatta lavorata a maglia.
Museo Zoologico "La Specola", Firenze Italia.

14 - Cravatta lavorata a maglia.
Museo Zoologico "La Specola", Firenze Italia.

15 - Cravatta lavorata a maglia.
Museo etnografico, S.Antioco, Sardegna Italia.

16 - Giubbetto in lana ricamato in bisso.
Museo etnografico, S.Antioco, Sardegna Italia.

17 - Stoffa decorativa (lino misto bisso)
Museum der Kulturen, Basel Svizzera.

18 - Guanto da donna, fino al gomito, senza dita con pollice lavorato a maglia.
Museum d'histoire naturelle, Neuchâtel Svizzera.

19 - Frammento di maglia.
Museum d'histoire naturelle, Neuchâtel Svizzera.


presenta l'iniziativa
del Polo Culturale
di Lugano:


Bisso marino
fili d'oro dal fondo del mare.

Presentazione
 

To the next picture - Zum nächsten Bild - Alla prossima immagine - À la prochaine image

SITEMAP
 

BISSO MARINO
FILI D'ORO DAL FONDO DEL MARE




Villa Ciani
Parco Ciani
CH - 6900 Lugano
Svizzera

Tel:  0041 58 866 7214
Fax: 0041 58 866 7497
info.mda@lugano.ch 

 

ADHIKARA
CONTEMPORARY ART GALLERY

CAPRIASCA

ADHIKARA - BOOKS

ADHIKARA - LIVRES

ADHIKARA - BÜCHER

ADHIKARA - LIBRI 







































Bisso marino


Adhikara Art Gallery
updated 05.07.16



 

Adhikara Art Gallery
updated 05.07.16